Come si usa il Mala
18 agosto 2018
I suoni e i mantra per la pulizia dei Mala
25 agosto 2018

I materiali che uso

Ogni Mala che produco, come detto in diversi punti del sito, è un pezzo unico, a sé stante. Cerco sempre di creare un oggetto che sia, per chi lo userà, non solo utile ma anche bello da vedere, piacevole da toccare… insomma qualcosa di cui ci si possa innamorare e che possa dare quella dimensione ulteriore alla pratica.

Ritengo che praticare debba essere un piacere. La sobrietà richiesta da qualunque pratica, sia di tecniche che di Meditazione, non dovrebbe essere qualcosa di asettico o, peggio ancora, di tremendamente serio. Certo, la pratica è una cosa seria ma essa implica comunque il piacere: non solo di praticare, ma di essere in quello stesso momento.

I miei Mala cercano quindi di essere dei compagni di pratica più che dei semplici oggetti per contare le tecniche eseguite. Poi ovviamente sta a chi li usa renderli qualcosa di più, uno strumento più o meno magico, un gioiello o un modo per rimanere presente…

Per questo metto tutta l’attenzione, sia nella costruzione che nella scelta dei materiali.

Uso solo pietre di buona o ottima qualità (dipende ovviamente anche dal budget a disposizione) e faccio sempre attenzione ad associarle con inserti armonicamente adatti all’insieme.

Nel caso di pietre particolarmente pregiate, come nel caso di Alabastro, Madrepora, Corallo, Argento o Oro massiccio e altre, naturalmente mi rivolgo a fornitori di assoluta fiducia e comprovata serietà. Quando fornite, uso le pietre che mi vengono affidate.

Per quanto riguarda i dettagli, posso rivolgermi ad un orafo di fiducia, qualora richiesto, per la realizzazione di dettagli specifici come “stop“, fermaperle o altro.

Il filo usato per infilare i Mala è sempre doppio e viene sempre annodato ad ogni perla per evitare, in caso di rottura, la perdita di tutte le perle, come accade nel caso dei Mala infilati senza nodi intermedi. I nodi inoltre, garantiscono una maggior durata del filo stesso, dato che le perle non lo sfregano e inoltre rendono la struttura molto più morbida e maneggevole, anche se, ovviamente la lunghezza aumenta.

Gli incensi utilizzati nella pulizia delle perle sono sempre incensi tibetani o indiani autentici e di ottima fattura, mentre l’olio essenziale di Sandalo utilizzato per la pulizia finale è esclusivamente di marche che assicurano la completa organicità e purezza del prodotto finale.

Queste sono caratteristiche generali, poi ogni esemplare ha ovviamente le sue unicità e particolarità.

Condividi